Contaminanti nell’ambiente

Seminari mensili CISAS

19 aprile 2021, GoToMeeting

10.00             Introduzione – M. Sprovieri (CNR-IAS)

10.15             SIN Priolo/Augusta: Sedimenti e biota – D. Salvagio Manta, A. Traina, M. Bonsignore (CNR-IAS)

10.45             SIN Crotone – E. Oliveri (CNR-IAS)

11.00             SIN Milazzo – F. D’Agostino (CNR-IAS), S. Tamburrino (CNR-ISMAR)

11.15             La matrice ‘aria’ nei 3 SIN investigati – C. Perrino (CNR-IIA), P. Bonasoni (CNR-ISAC), F. Parello (UNIPA-DISTEM)

11.45             Break

12.00             Cibo e contaminazione nei tre SIN investigati – C. Di Bella (IZS), C. Giosuè (CNR-IAS)

12.20             Microbiomica e micro-robotica – G. Ciuti (Istituto Superiore Sant’Anna)

12.40             Biogoal e la bioeconomia circolare in area a rischio – F. Francocci (CNR-IAS)

13.00             Breve discussione e conclusione della giornata


Per acquistare il libro clicca qui

Per vedere la presentazione del libro clicca qui


Seminario CISAS 2021 WP4 – 18 marzo 2021

Titolo: Avanzamenti e sviluppi di epidemiologia eziologica nei siti contaminati

Relatori: Fabrizio Bianchi, Elisa Bustaffa, Liliana Cori, Francesco Faita, Amalia Gastaldelli, Francesca Gorini, Letizia Pitto, IFC-CNR

ore 10
Introduzione (10’) F. Bianchi

La valutazione dell’esposizione

1. La centralità della valutazione dell’esposizione (15’) E. Bustaffa

2. Bio-marcatori per la valutazione del rischio cardiovascolare (15’) F. Faita

3. Marcatori di rischio e gravità di malattia epatica (15’) A. Gastaldelli

4. Marcatori di rischio pre-clinico di malattia tiroidea (15’) F. Gorini

Domande e riposte (10’)

Ore 11,20

Metodi e strumenti per la valutazione esposizione-risposta

5. Evoluzione dei metodi e potenziamento degli strumenti per l’epidemiologia (15’) F. Gorini

6. Il contributo degli studi sperimentali (15’) L. Pitto

Domande e risposte (10’)

Ore 12,00 PAUSA

Ore 12,15

Costruzione e rafforzamento delle evidenze per la governance

7. Evidenza scientifica, studi retrospettivi e valutazioni d’impatto (20’) F. Bianchi

8. Comunicazione e governance nei siti contaminati (15’) L. Cori

Domande e risposte (10’)


CISAS-_seminario_Epidemiologia_17-dic-2020


Workshop Intermedio CISAS 11/12/2020

Workshop-intermedio-CISAS-11.12.2020_final


Workshop on “Musing on the concept of Good Environmental Status: the complexity of the status and the status of complexity”, jointly organised by JPI-Oceans and Bluemed CSA

2-4 December 2020, online

Effective linkages are needed between emerging knowledge, innovative approaches and techniques in marine science and its practical understanding, and possible uses within the MSFD context. This means that criteria, including threshold values, methodological standards, and proper representation of the MSFD descriptors, should be periodically reviewed and amended in the light of scientific and technical progress. The efficient mechanisms for such revisions should also be built and strengthened, including development of new and innovative observational schemes and techniques, available for Member States. This will lead to a better consistency in the determination of the GES of different marine regions in the European Seas.

In such a context science can contribute revising or introducing criteria, apply risk-based approach, and provide rigorous definitions to sharpen and refine/specify the concept of thresholds and, in turn, of the Good Environmental Status (GES). Science has also the responsibility to foster data harmonization and interoperability, as well as integrations among MSFD Descriptors.

Description

This workshop is officially part of the wide promotional action approved and supported by the Implementation plan of Bluemed “Understanding pollution impacts, mitigation and remediation in the Med Sea”. Also, it is fully taking into account the recommendation to ‘Support a better definition of GES and harmonize assessment criteria for priority contaminants’, addressed in the framework of the Mediterranean Workshop preparing the UN-Decade of Ocean Science for Sustainable Development.

The workshop aims at addressing the scientific contribution to design and structure a complementary path in addressing the Good Environmental Status, where individual and official positions are asked to confront within a scientific and interdisciplinary approach. Participants can contribute to launch a “small world network” for the identification of the most relevant “theoretical and operational” aspects and paths to be considered.

Different aspects will be addressed and shared, in particular focusing on how science, governance and implementation can be integrated taking into account the state-of-the-art. The output of the workshop will be summarized into a document which will report the main aspects and recommendations for future developments.

Info and contacts

Date and location

2-4 December 2020, online

Organisers: JPI-Oceans, BlueMed

Contacts:

For further information please contact: annalisa.alessi@cnr.it

More info:

S4GES-workshop-program


CISAS-_seminario_Ecosistema_26-nov-2020


COMUNICAZIONE IN AREE A RISCHIO
16-17 novembre 2020

La Conferenza presenta le esperienze del progetto CISAS assieme ad interessanti sviluppi nazionali e internazionali su comunicazione, governance e percezione del rischio. La pandemia di COVID-19, che ha modificato in profondità la percezione e la comunicazione del rischio anche su ambiente e salute, è parte integrante della riflessione.
Il Progetto CISAS, “Centro internazionale di studi avanzati su ambiente e impatti su ecosistema e salute umana”, è un progetto multidisciplinare dedicato alla comprensione dei fenomeni di inquinamento ambientale e del loro impatto su ecosistema e salute umana, che ha operato in tre Siti di bonifica di interesse nazionale (SIN) di Augusta/Priolo, Milazzo e Crotone. 
The Conference presents the experiences carried out during CISAS Project together with interesting national and international developments on communication, governance and risk perception. The reflection includes COVID-19 pandemic since it has profoundly altered the perception and communication of risk including on the environment and health. The CISAS Project, “International Centre for Advanced Studies on the Environment and Impacts on the Ecosystem and Human Health”, is a multidisciplinary project dedicated to understanding environmental pollution and its impact on the ecosystem and human health, operating in three Italian Reclamation Sites of National Interest (SIN): Augusta/Priolo, Milazzo and Crotone. 

PROGRAMMA DEL WEBINAR
Lunedì 16 novembre, ore 15.00 – 17.00
Apertura di Mario Sprovieri, Coordinatore CISAS

Sessione 1  Governance e comunicazione del rischio: decisioni responsabili basate sulle evidenze – Governance and risk communication: evidence-based responsible decision making  | Chair: Luca Carra

La governance del rischio
Main Lecture – Luigi Pellizzoni

Eco-frizioni dell’antropocene: prospettive comparative
Francesco Zanotelli

Comunicazione e governance: tre casi studio di CISAS
Fabrizio Bianchi, Liliana Cori

La comunicazione del rischio dei cambiamenti climatici
Paola Michelozzi

Piani di comunicazione per la prevenzione nei siti contaminati
Daniela Marsili 

Martedì 17 novembre, ore 10.00 – 12.00

Sessione 2  Studio della percezione del rischio: metodologia e uso dei risultati per la ricerca e le decisioni – Studies on Risk Perception: methodology and use of results for research and decisions  | Chair: Simona Re

Principi, aspetti etici e diritti 
Main Lecture – Andrea Cerase

Alfabetizzazione sanitaria e comunicazione dell’incertezza
Chiara Lorini, Guglielmo Bonaccorsi

Metodi e applicazioni nel progetto CISAS
Liliana Cori, Silvia Ruggieri

Percezione del rischio e comportamenti
Annalaura Carducci

Studi in aree ad alto rischio in Sicilia
Guido Signorino

Martedì 17 novembre, ore 14.00 – 16.00

Sessione 3  Cittadini e Scienza: dalla consultazione alla coproduzione – Citizens and Science: from consultation to co-production  | Chair: Pietro Greco

Participatory Science for Environmental Health Justice
Main Lecture – Barbara Allen 

Diritti di cittadinanza scientifica
Rosy Battaglia 

La coorte madre-bambino dello studio CISAS
Silvia Ruggieri, Fabio Cibella

I progetti di SNPA per la cittadinanza scientifica
Giuseppe Cuffari
L’editoria fuori dal coro
Andrea Di Stefano

Relatori e moderatori
Barbara Allen, Virginia Polytechnic Institute and State University, Blacksburg, USA
Rosy Battaglia, Cittadini Reattivi
Fabrizio Bianchi, IFC-CNR, Pisa
Guglielmo Bonaccorsi, Università di Firenze
Luca Carra, Zadig, Milano
Andrea Cerase, Università La Sapienza, Roma
Annalaura Carducci, Università di Pisa
Fabio Cibella, IRIB-CNR, Palermo
Liliana Cori, IFC-CNR, Pisa

Giuseppe Cuffari, ARPA Sicilia
Andrea Di Stefano, Valori, Fondazione Finanza Etica, Firenze
Pietro Greco, IlBoLIVE, Università di Padova
Gevisa La Rocca, Università Kore, Enna
Chiara Lorini, Università di Firenze
Daniela Marsili, ISS, Roma
Paola Michelozzi, DepLazio, Roma
Luigi Pellizzoni, Università di Pisa
Simona Re, IMT School for Advanced Studies, Lucca
Silvia Ruggieri, IRIB-CNR, Palermo
Guido Signorino, Università di Messina
Mario Sprovieri, IAS-CNR, Roma
Francesco Zanotelli, Università di Messina

Segreteria

Maria Cristina Imiotti, IFC-CNR
Annalisa Alessi, IAS-CNR
Gemma Biondo, IAS-CNR


CONVEGNO RIAS MILANO 20/02/2020

La Rete Italiana Ambiente e Salute: Le sinergie fra SSN e SNPA per la prevenzione primaria

La partecipazione al convegno è gratuita, le iscrizioni sono aperte dal 24 Gennaio al 10 Febbraio – Clicca qui per registrarti

Convegno-RIAS-Milano


CONVEGNO RIAS MILANO 21/02/2020

The exposome: between epidemiology, toxicology and biomonitoring Ongoing initiatives in Europe and Italy and opportunities for disease prevention

Participation in the conference is free, it is possible to register until February 15th – Click here to sign up

RIAS-esposoma-def


Summer school CISAS “Genomics and Molecular Biology of Ecosystem”

It is widely recognized that the biology has passed through a single experiment/cell approach towards more complex systems that can consider different aspects as defined in high-throughput sciences. To date, the use of model systems, single cells or complex organisms, represents the most used approach to understand and integrate the complexity of environments and organisms.The experimental data thus obtained exceeds the possibilities of the individual researcher to manage this complexity and the understanding of the omics therefore represents a challenge. With this in mind, only a tight connection between molecular biologists, cellular and developmental biologists, ecologists and bioinformatics makes it possible to identify the complex architecture of the ecosystem and the functional elements that characterize it.

Defining systems to increase the knowledge on the forces acting on the complex organism-environment system represents a primary objective in the era of genomics and post-genomics also in the light of the related use in blue-biotechnology, management of natural resources and bioprospecting .

Therefore, issues of comparative genomics, phylogenetic, metagenomics and functional genomics will be explored up to date and potential use of big data and mining in industry and in research and development as follows:

  • Model systems – use of indicator organisms, developmental biology, RNAi, transgenic models
  • Genomics – Next Generation Sequencing, knowledge and use of databases, data mining and bioinformatics
  • Molecular ecology – environment, ecogenomics and metagenomics, adaptation of organisms to anthropic impacts
  • Functional and comparative genomics – structure of genomes, molecular evolution at functional level, Gene Regulatory Networks.

Model organisms such as the embryo of the sea urchin (Parecentrotus lividus) and (Danio rerio) zebrafish represent systems of interest to answer and recapitulate physiological and molecular aspects of more complex evolutionary systems. The course will provide the information necessary to use both models, define pros and cons of each of these approaches and a comparison to other systems. Use of transgenic lines, gene transfer systems and interference will also be described in application to the two systems in order to familiarize with them.


 

La Conferenza “Comunicazione su ambiente e salute in aree ad alto rischio: un sfida per il governo del territorio”, che si terrà a Palermo il prossimo 16-17 novembre, presenterà le esperienze portate avanti nel corso del Progetto  CISAS assieme ad interessanti sviluppi nazionali e internazionali che vanno nella stessa direzione.
Annuncio_COM_CISAS_nov_2020

“Economia Circolare e Sviluppo Sostenibile: Casi Studio”

Nell’ambito del progetto europeo REMIND e del progetto del CNR CISAS, e con l’auspicio di favorire il dialogo fra i saperi dell’economia e dell’ambiente, oggi, 17 ottobre 2019, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, si terrà il Workshop “Economia Circolare e Sviluppo Sostenibile: Casi Studio”  in cui colleghi e ricercatori delle Universit e degli Istituti di ricerca coinvolti mostreranno le loro esperienze sul campo. 

Manifesto-Economia-Circolare-17-10

24 settembre 2019

Aree ad elevato rischio ambientale: dalla bioeconomia circolare alle strategie regionali per lo sviluppo sostenibile”

Il 24 settembre si è tenuto a Palermo un evento di grande interesse non solo per la comunità di ricerca e innovazione nazionale ma anche per gli organi di indirizzo politico-amministrativo. Per la prima volta il tema della gestione delle aree ad elevato rischio ambientale viene affrontato unitamente al concetto di bioeconomia circolare ed alle strategie di sviluppo regionale, richiamando gli attori principali a confrontarsi su nuovi approcci da intraprendere a partire dai territori fino ad indirizzare le politiche nazionali.

Aree ad elevato rischio ambientale: dalla bioeconomia circolare alle strategie regionali per lo sviluppo sostenibile” è il titolo dell’evento organizzato da CNR e dai progetti CISAS e BIOVOICES, in collaborazione con ARPA, con l’obiettivo di individuare raccomandazioni per una nuova gestione delle aree a rischio a livello nazionale e per uno sviluppo regionale in linea con le strategie europee di innovazione. Insieme – società civile, industria, ricerca e politica –  si fanno promotori di una visione territoriale volta alla tutela dell’ambiente, degli ecosistemi e della salute per uno sviluppo sostenibile. 

L’iniziativa, articolata in una sessione plenaria e sessioni parallele tematiche con tavoli di lavoro, intende favorire lo scambio di esperienze e il confronto aperto sui seguenti aspetti relativi alle aree ad elevato rischio ambientale:

  • Impatti su ambiente, ecosistema e salute;
  • Ricerca e Innovazione nella Circular Bioeconomy;
  • Analisi e messa in rete dei portatori di interesse;
  • Formazione;
  • Partecipazione e responsabilità.
 

Durante la giornata sono stati presentati casi studio inerenti i temi in oggetto per stimolare la discussione. Gli esiti dell’incontro hanno fornito linee guida utili alla definizione di adeguate policy per un uso produttivo, sostenibile e sicuro delle aree depresse e saranno presentate e condivise in occasione della Summer school “Ambiente e salute: dai dati alle politiche ambientali e sanitarie” organizzata dall’AssoARPA per l’Alta dirigenza del SNPA che si terrà a Siracusa dal 25 al 27 settembre.

L’evento si è tenuto il 24 Settembre presso Splendid Hotel La Torre, Via Piano Gallo 11, Palermo (Mondello).

Agenda

Presentazioni


08-21 settembre 2019

ESMTB Summer School: Modelling in Marine Ecology

Nell’ambito del WP1 e in relazione al task 1.3 che prevede l’attività di divulgazione e comunicazione dei risultati legati al progetto CISAS, lo IASI si sta occupando dell’organizzazione della scuola di biomatematica, “ESMTB Summer School : Modelling in Marine Ecology”. La scuola è coorganizzata da IASI nell’ambito del progetto CISAS e dalla società europea di biomatematica (European Society for Mathematical and Theoretical Biology, ESMTB) e ricade nel programma di scuole europee di biomatematica organizzate annualmente dall’ESMTB. Il comitato scientifico della scuola ha pertanto stabilito che la scuola ESMTB 2019 si terrà in Sicilia, regione che include le aree di interesse nazionale oggetto di studio del progetto CISAS, e in particolare si terrà a Isola delle Femmine (Palermo), dall’8 Settembre al 21 Settembre, ed ospiterà da circa 50 a 100 studenti. I corsi, che si svolgeranno dal lunedì al venerdì, saranno tenuti da docenti europei che svolgono la propria attività di ricerca in ecologia marina.

La scuola rappresenta un evento di rilevanza nazionale ed internazionale rivolto a studenti di dottorato o a post-dottorati, legato principalmente alla divulgazione del progetto CISAS con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui possibili effetti che l’ambiente ha sulla salute umana, ma anche all’approfondimento di tematiche relative alla modellizzazione dell’ecologia marina toccando diversi aspetti: dalla modellizzazione delle dinamiche di popolazioni marine, con modelli semplici o strutturati, deterministici o stocastici, allo studio del ruolo delle diverse comunità marine, dai batteri al plancton alle comunità bentoniche, e dalle loro modificazioni in relazione a determinanti ambientali come i cambiamenti climatici e l’impatto delle attività umane. Attenzione sarà pure rivolta alla bioeconomia e alla gestione della pesca con modellizzazione dell’evoluzione delle specie soggette a cattura. Altro argomento della scuola risiede nello studio della  contaminazione del sistema marino e del suo impatto sulle popolazioni marine, con focus sui modelli ecotossicologici. Parte del programma della scuola sarà poi dedicato ad aspetti più metodologici, in cui verranno presentati metodi relativi alla stima dei parametri, alla selezione dei modelli nonché alla simulazione di modelli più o meno complessi.

La scuola prevede inoltre un workshop finale di un giorno in cui saranno invitati i ricercatori coinvolti nel progetto CISAS per la presentazione dei risultati raggiunti nel corso del progetto stesso. sito


12-13 September 2019 – Capo Granitola

Workshop “Lesson learnt, efficiency vs effectiveness, and synergies”

The Workshop “Lesson learnt, efficiency vs effectiveness, and synergies” will be held in Capo Granitola, Sicily from 12 to 13 September 2019.
The main goals of the workshop are:
1) to share, discuss and fix the final details of the factsheet of the action for the JPI Oceans to be approved, and
2) define the group of activities to be i) launched, ii) possibly committed by various countries and iii) identified for our own job. In particular, we aim at identifying a) those who will be in charge of managing the IPCC-like series of scientific workshops, b) those who can take the effort in facilitating the process toward MSFD-focused long-term observations and theoretical-experimental testbeds, c) those ho can make the bridge with EC and national authorities for synergies, dissemination etc.
The meeting is structured around a limited number of key-presentations thought to trigger the discussions and time to talk about specific focuses and potential works we feel crucial to design the role of science to implement MSFD. The three key areas (launching of periodic meeting structuring a hub to support scientific approaches to MSFD, improving concepts on augmented observatories to develop knowledge about specific aspects of descriptors of MSFD, designing periodic oceanographic cruises joined by a large group of experts from different countries) and dedicated open discussions will represent the backbone of the meeting and its ultimate scope.

Agenda

Informazioni

Presentazioni



PRIMO SIMPOSIO DI BIOLOGIA SPERIMENTALE APPLICATA AL MARE E ALL’AMBIENTE

Trapani, 24 – 25 maggio 2019 – Università degli Studi di Palermo – Polo Territoriale Universitario di Trapani

Programma preliminare

Scheda di iscrizione

Informazioni


 Ambiente e salute a Crotone: una relazione da conoscere

Convegno per la presentazione progetto CISAS “Centro Internazionale di Studi Avanzati su Ambiente, Ecosistema e Salute Umana” – 7 maggio 2019 – Istituto d’Istruzione Superiore “S. Pertini-Santoni”, via Matteotti, 26

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), in collaborazione con il Comune di Crotone e l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria (ARPACAL), ha organizzato per martedì 7 maggio 2019, a partire dalle ore 9:00, presso l’Istituto d’Istruzione Superiore “S. Pertini-Santoni” (via Matteotti, 26), il convegno dal titolo “Ambiente e salute a Crotone: una relazione da conoscere”, dedicato alla presentazione del progetto CISAS “Centro Internazionale di Studi Avanzati su Ambiente, Ecosistema e Salute Umana” e dei sui primi risultati.

Ad aprire l’evento, i saluti del Sindaco di Crotone, del Commissario Straordinario ARPACAL e del Commissario Straordinario ASP di Crotone. Ha moderato la giornata il Direttore del Dipartimento Provinciale ARPACAL Crotone.

I relatori hanno presentato, agli studenti e alle studentesse del IV anno delle scuole superiori di Crotone, l’ambiziosa sfida nella quale si sono cimentati i ricercatori di quattro istituti del CNR, insieme ad un numerosissimo gruppo di collaboratori appartenenti alle più importanti Istituzioni legate al mondo della ricerca italiana, per investigare i fenomeni di inquinamento ambientale e relativo impatto sull’ecosistema e sulla salute umana, partendo dalle aree di Augusta/Priolo, Milazzo e Crotone, identificate come Siti di bonifica di Interesse Nazionale.

In occasione della conferenza è stato lanciato un concorso per produrre un elaborato originale sul tema “Ambiente e Salute a Crotone” che sarà premiato nell’arco dell’anno scolastico 2019-2020. Per i ricercatori di CISAS gli studenti sono un interlocutore prezioso per diffondere le conoscenze sull’ambiente locale, per suscitare in loro interesse verso una tematica di estrema attualità nell’intera regione e per la ricerca scientifica nel suo complesso. Agli studenti è stata data l’occasione di relazionarsi con gli esperti che hanno offerto loro spiegazioni chiare e semplici, sviluppando una serie di riflessioni sul tema della responsabilità ambientale.

Il Convegno è stato l’occasione per avviare un’indispensabile azione di comunicazione e divulgazione con le scuole, le associazioni, gli enti pubblici e l’intera comunità locale che continuerà ad essere informata, attraverso incontri programmati, sugli obiettivi e i risultati del progetto di ricerca CISAS avviato nel  2016 che si concluderà a gennaio 2021.


Effects of PBDEs in adipocytes differentiation: molecular and lipidomic approach for the identification of early warning biomarkers and metabolic risk assessment

Il 15 marzo alle ore 15, presso l’ Istituto di Fisiologia Clinica (IFC) del CNR (Via Moruzzi 1, 56124 Pisa- Aula 123) Concetta Messina (Università degli studi di Palermo, DISTEM) e Amalia Gastaldelli (Institute of Clinical Physiology- Cardiometabolic Risk Unit CNR), hanno tenuto un seminario su alcuni dei risultati ottenuti, in collaborazione, nell’ambito del progetto CISAS, dal titolo: Effects of PBDEs in adipocytes differentiation: molecular and lipidomic approach for the identification of early warning biomarkers and metabolic risk assessment (Manuguerra S., Carli F., Gastaldelli A. and Messina C.M).


16-17 gennaio 2019 – Kick-Off Meeting JPI Oceans Knowledge Hub on Integrated Assessment of Effects of New Pollutants Brussels.

The first meeting of JPI Oceans Knowledge Hub on Integrated Assessment of Effects of New Pollutants was hosted in the secretariat of JPI Oceanswas and was for participants to get to know each other, review the objectives of the hub, appoint a coordinator and discuss an implementation plan. During the upcoming 24 months, knowledge hub participants will meet four times to discuss:
·        the currently most appropriate methodologies for integrated assessment of effects of new pollutants
·        improvements and refinements of existing methodologies
·        recommendations for future JPI Oceans actions on this subject
As an outcome of this networking and information exchange, the JPI Oceans Knowledge Hub will generate a report presenting the currently most appropriate methodology(-ies) for integrated assessments of effects of new pollutants, taking account of the above rationale for a knowledge hub. Further an overview of relevant improvements and refinements of existing methodology(-ies) will be given. This includes also research found necessary for improved effect/hazard studies, monitoring and sampling on the level of new and emerging pollutants. It is anticipated that a set of political, economic and social dimensions will be included as the source and impact of pollutants are utterly linked with society. 
The report should provide specific recommendations to actions that can be taken by JPI Oceans.

17-18 dicembre 2018 – Scoping Workshop “The contribution of Research for the implementation of the Marine Strategy Framework Directive (MSFD)” – Programma

The purpose of the workshop was to bring together experts from different interested EU countries to discuss and identify the support that scientific community can provide for a harmonious and functional (efficient and effective) development of both the regulatory framework and the various actions envisaged by the Marine Strategy Framework Directive, the current regulatory framework that, aiming at protecting the sea and its resources, promotes actions for the observation, monitoring and measurement, by identifying specific short and long-term objectives.
Final objective of the workshop was to support the possible launch of a JPI Oceans joint action in its preparatory phase.
The proposal received expression of interest from 6 countries (BE, ES, FR, GR, IT, GE) that participated in the workshop through their experts. The JPI Oceans Secretariat supported the workshop with 2 staff members, along side with two representatives of the EU Commission (DG-RTD and JRC) who attended the meeting.


15-16 novembre 2018 – Seminario “Ambiente e salute in aree a rischio” che si terrà presso il Convento delle benedettine, Castello di Milazzo – Programma

Il Seminario, dedicato agli Enti Pubblici locali coinvolti nella governance dell’ambiente e della salute, ha avuto come obiettivo la discussione sulle tematiche inerenti la percezione e la comunicazione del rischio in aree SIN caratterizzate da elevato impatto antropico. E’ stata inoltre colta l’opportunità per presentare alcuni dati preliminari relativi allo stato di contaminazione di diverse matrici ambientali e i possibili meccanismi di trasferimento alla popolazione residente nell’area di interesse.
Tra i partecipanti, rappresentanti di ARPA e ASP, i Sindaci dei comuni integrati nell’area SIN Milazzo-Valle del Mela, Dirigenti scolastici, i rappresentanti delle industrie locali più importanti, medici di base, associazioni ambientaliste.


15 ottobre 2018 – Evento percezione del rischio IFC – Roma

Il tema della comunicazione del rischio investe in modo diretto tutte le attività in corso nell’ambito del progetto CISAS, ed assume importanza cruciale nel momento in cui le conoscenze devono essere utilizzate per intraprendere azioni di prevenzione, mitigazione dei danni o nuove misure legali di limitazione dell’inquinamento.
Il Seminario nazionale del 15 ottobre apre un tavolo di confronto sugli sviluppi teorici e le applicazioni più recenti nel campo per pianificare la realizzazione di attività durante il prossimo anno nelle aree CISAS e una Conferenza Internazionale sulla comunicazione del rischio da programmare per il 2020. La riunione promuove la discussione tra tutti i partecipanti, ponendo tre domande dopo le presentazioni iniziali del contesto, in modo da raggiungere come risultato concreto la programmazione di attività, di linee di ricerca, di supporto alla promozione di attività di rete.
Domanda1 – Come possiamo arricchire il panorama delle conoscenze sulla percezione del rischio e produrre buona comunicazione, con l’obiettivo di migliorare la governance del rischio, supportare la consapevolezza e la possibilità di azione da parte delle comunità locali? Possiamo avere di fronte un anno di lavoro.
Domanda 2 – Quali sono gli (altri) interlocutori nazionali internazionali da coinvolgere o informare in vista dell’organizzazione di una conferenza internazionale? Si può provare a definire un programma o il titolo delle sessioni di interesse e proporre i chair di ciascuna di esse.
Domanda 3 – Quali strumenti si possono mettere in atto per rafforzare il lavoro multidisciplinare sul rischio ambientale per la salute (esperienze sul campo – ricerca – governance – formazione)?


16 maggio 2018 – Workshop Progetto Cisas – Crotone


11 ottobre 2017 – Ambiente e salute nella Valle del Mela: una relazione da conoscere

17 ottobre 2016, CNR, Roma, kick off meeting

27-28 Ottobre 2017 – “Biologia sperimentale nella ricerca di base e applicata all’ambiente e all’uomo”
Programma

20 Novembre 2017 – Palermo, Riunione annuale della rete internazionale ERA ENVHEALTH

21 November 2017 – ERA-ENVHEALTH network Annual Meeting and Open Conference

21 November 2017 – Report conferenza ERA-ENVHEALTH

11 Dicembre 2017 – Verbale prima riunione Advisory Board

11 Dicembre 2017 – Presentation CISAS Advisory Board

111217_slides_advisory_board

Workshop Progetto CISAS – 27 e 28 febbraio 2018 – Palermo

Workshop Progetto CISAS – 27 marzo 2018 – Augusta

Print Friendly, PDF & Email